IBM: computer eco-sostenibili

19 10 2009

Le sfide sono chiare: la necessità di acqua e aria pulita; la distribuzione affidabile e a basso costo di energia; le scorte di combustibili fossili in graduale diminuzione; i cambiamenti climatici e le sue implicazioni per le generazioni future.

IBM lavora per rendere i prodotti e processi più efficienti sia per l’ambiente che per il business, allo stesso tempo sviluppando nuove tecnologie che possono accelerare l’adozione di prodotti e servizi con minore impatto ambientale.

I problemi legati all’energia e all’ambiente sono in cima alla loro agenda strategica: l’information technology gioca un ruolo estremamente importante nell’aiutare a risolvere la miriade di sfide ecologiche che la società globale deve affrontare – come conservare le nostre scarse risorse anche se la domanda globale va alle stelle, ridurre l’inquinamento, diminuire l’impatto ambientale delle nostre attività e rendere disponibili fonti alternative di energia sicura e rinnovabile.

Ad esempio l’innovativo sistema, denominato Aquasar, diminuirà l’impronta ecologica del sistema fino all’85% e si stima farà risparmiare fino a 30 tonnellate di CO2 all’anno in confronto a sistemi simili dotati delle tecnologie attuali. Fino al 50% dei consumi di energia di un data center medio, raffreddato ad aria, non è dovuto ai processi di elaborazione stessi ma al fabbisogno di alimentazione dei sistemi di raffreddamento necessari per impedire il sovrariscaldamento dei processori. L’acqua ha una capacità di catturare il calore circa 4.000 volte più efficiente dell’aria, e anche le sue caratteristiche di conduzione del calore sono molto superiori. Un raffreddamento con acqua a 60°C è in grado di mantenere il chip molto al di sotto del limite permesso di 85°C. L’alta temperatura di input del liquido di raffreddamento determina una temperatura in uscita ancora più elevata, in questo caso di circa 65°C: il calore così ottenuto può essere utilizzato per alimentare sistemi di riscaldamento. Il calore è una commodity che ha valore sulla quale noi facciamo affidamento e che paghiamo a caro prezzo nella vita quotidiana. Se catturiamo il calore in eccesso dai componenti attivi in un computer nel modo più efficiente possibile e lo trasportiamo, possiamo riutilizzarlo come risorsa, risparmiando energia e abbassando le emissioni di carbonio.

Per saperne di piu’ visitate il sito “Energia, Ambiente e IBM”

Annunci

Azioni

Information

One response

6 06 2010
Notizie dai blog su Voglia di vacanze… sostenibili!

[…] IBM: computer eco-sostenibili Le sfide sono chiare: la necessità di acqua e aria pulita; la distribuzione affidabile e a basso costo di energia; le scorte di combustibili fossili in graduale diminuzione; i cambiamenti climatici e le sue implicazioni per le generazioni future. blog: “eyes on the railroad” | leggi l'articolo […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: