Berlusconi, cronaca del martirio

14 12 2009

Un colpo al volto. Un viso insanguinato che le televisioni immortalano. Viene colpito da un oggetto, una miniatura souvenir del Duomo di Milano. Il premier barcolla, il viso si riempie di sangue. Sono momenti drammatici. La scorta prende il Cavaliere e lo trascina nell’auto blindata. L’aggressore resta come pietrificato. Contro di lui si scatena la rabbia dei manifestanti, gli agenti lo prendono e lo trascinano via.

Ho corso con gli agenti di polizia per allontanare l’aggressore, che rischiava un possibile linciaggio” commenta il ministro della Difesa, Ignazio La Russa: che cuore, grande Ignazio!

Berlusconi si volta verso la folla per rassicurarla. Un cenno della mano per dire “sto bene“. Come Schumacher dopo il peggiore degli incidenti…

Tartaglia, che e’ l’aggressore, niente a che vedere col verbo, viene portato in Questura. Non è un attivista politico, la Digos non lo conosce. Ma intanto Fede dal suo tg4 annuncia la cospirazione comunista. Si viene a sapere che è in cura da 10 anni per problemi mentali. Forse per Comunismo? Dopo l’interrogatorio l’uomo è stato arrestato con l’accusa di lesioni pluriaggravate dalla qualifica di pubblico ufficiale della parte offesa e dalla premeditazione. Tartaglia, infatti, aveva in tasca un altro souvenir, un piccolo crocifisso (Oddio, che sia stato armato dai servizi segreti vaticani???), ma soprattutto una bomboletta di spray urticante al peperoncino.

Sto bene, sto bene” dice mentre viene portato fuori dal Pronto Soccorso per essere trasferito in una stanza di ospedale. Comunque Berlusconi, riferisce chi gli ha fatto visita (la premiata ditta Bondi-Bonaiuti), si è detto “amareggiato” per “questa campagna di odio nei miei confronti. Questo è il frutto di chi ha voluto seminare zizzania. Quasi me l’aspettavo…“. Un premier “profetico” come sostiene un preoccupatissimo Bonaiuti.

Berlusconi a tutti ha ripetuto di essere stato nei giorni scorsi nel mirino di una campagna di veleni. “Tutti dovrebbero capire che non è possibile oltraggiare un presidente del Consiglio, questa è la difesa delle istituzioni“. Delle sue forse, ma ci ha lasciato in ogni caso due denti… E leggiamo dal Giornale che lo squilibrato Tartaglia, singolo attentatore, ha eluso ben due cordoni di servizi di sicurezza!

Il Cavaliere ha sottolineato di non voler minimamente farsi impressionare dall’episodio. “Sono ancora qui e non mi fermeranno“. Eroico, stoico, indistruttibile! Intanto Di Pietro e la Bindi commentano affermando che il vero istigatore e’ lui, che se l’e’ cercata, che ora non deve fare la vittima… subito minacciati di denuncia, per diffamazione, vilipendio… Due piccioni con una fava (un po’ appuntita…): denigrati gli oppositori, e elevato a martire il Leader! Scacco matto! (matto, ma pur sempre in cura da 10 anni…).

Infine, secondo la testimonianza di Emilio Fede, il premier avrebbe detto: “Sono miracolato, un centimetro più su e avrei perso l’occhio“… Pure miracolato!!! Peccato pero’, la benda gli avrebbe donato…


Annunci

Azioni

Information

One response

15 12 2009
LUIGI

grazie a Berlusconi e Bossi questo è il miglior governo che l’Italia abbia mai avuto. A confermarlo il fatto che se si votasse adesso il centro destra + Lega farebbe il pieno di voti. Questo per due motivi. Pdl e Lega hanno lavorato magnificamente e l’opposizione è la più sgangherata di tutta l’Europa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: