al kamandjati

 

 

 

 

La storia di Al Kamandjâti, associazione no-profit fondata nell’ottobre 2002, si intreccia con quella di un giovane palestinese: Ramzi Aburedwan. Ramzi ha trascorso la sua infanzia nel campo profughi di Al Amari (Ramallah) per poi recarsi ad Angers (Francia) per i suoi studi al Conservatorio di Musica.
Il suo obiettivo è di creare scuole di musica per bambini palestinesi, soprattutto per i bambini più indigenti, coloro che vivono nei campi profughi. Il sogno di Ramzi si è trasformato in realtà: Al Kamandjâti ora lavora in diversi campi di rifugiati della Cisgiordania, nella Striscia di Gaza e nel sud del Libano, creando numerose forme di collaborazione con le strutture già esistenti che svolgono attività culturali.

La cultura, le arti e le attività ludiche sono le vittime meno conosciute dell’occupazione e della violenza che i palestinesi subiscono. Per frantumare la popolazione palestinese non si procede solamente attraverso l’eliminazione fisica ma anche attraverso la distruzione di tutti i simboli che possono caratterizzarla e rappresentarla agli occhi del mondo.
La resistenza palestinese deve assumere molteplici forme. L’Intifada può essere una lotta culturale. Non va dimenticato che il cuore del progetto Al Kamandjâti consiste nella costruzione di una realtà in cui i giochi e l’educazione siano i principali interessi dei bambini. I bambini sono le prime vittime dell’occupazione. Il percorso di Ramzi non deve rimanere un percorso isolato.

Le attività hanno luogo una o due volte alla settimana, per aiutare i bambini a sognare qualcosa di diverso da un soldato o da un carro armato. Per creare legami con il più elevato numero di bambini, di centri culturali… Al Kamandjâti organizza due volte all’anno workshop musicali e concerti per bambini che vivono nei campi di rifugiati di Ramallah, Hebron, Betlemme, Jenin, Nablus, Gerico, Tulkarem, Qalqilya, Gerusalemme, Gaza e del sud del Libano.

Per realizzare questi progetti, Al Kamandjâti organizza concerti di solidarietà, raccolte di fondi (donazioni in denaro e aiuti) e raccolte di strumenti.

(dal sito www.alkamandjati.com)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: